Chirurgia Orale e Maxillo-Facciale

La Chirurgia Maxillo-Facciale è una specialità medico-chirurgica che si occupa di tutte le operazioni mirate alla cura di vari tipi di patologia (traumatismo, malformazione, neoplasia, infezione e malattia degenerativa) e di problemi estetico-funzionali della faccia e dello scheletro facciale.

L’Odontoiatra e il Chirurgo Maxillo-Facciale collaborano:

  • nella prevenzione: insieme sono in grado di intercettare tutte le malattie del cavo orale, anche gravi come le neoplasie, sia di origine dentale sia di origine non dentale;
  • nell’implantologia: l’Odontoiatra, come responsabile dell’insieme della prestazione, può avvalersi delle specifiche capacità chirurgiche del Chirurgo Maxillo-Facciale per eseguire l’intervento utile ad inserire gli impianti dentari nelle ossa mascellari;
  • nella Chirurgia pre-protesica e pre-implantare: se l’osso dei mascellari è scarso il Chirurgo Maxillo-facciale può ricostruirlo, in altezza e spessore, per rendere possibile l’inserimento di impianti dentari a cui connettere le protesi;
  • nella Chirurgia Ortognatica: il Chirurgo Maxillo-Facciale si avvale dell’Odontoiatra per preservare la salute dei denti prima, durante e dopo il trattamento ortodontico e chirurgico.

All’interno di questo settore troviamo:

Chirurgia Orale:

Nota anche come odontostomatologia, dal greco antico odontos (dente) e stoma (bocca), è la specializzazione medica che si occupa di tutte quelle problematiche odontoiatriche per cui si rende necessario un intervento di tipo chirurgico, e include anche l’Implantologia e la Parodontologia.

Gli interventi nel campo della chirurgia orale comprendono le estrazioni dentali, anche quelle più complesse come ad esempio l’8° in inclusione totale, l’implantologia avanzata, gli innesti ossei e le cisti odontogene (mandibolare e mascellari), la parodontologia e per finire i tumori del cavo orale.

Chirurgia preprotesica e preimplantare:

La chirurgia preprotesica è quella branca della chirurgia oro-maxillo-facciale che affronta le problematiche relative alle atrofie, più o meno gravi, del mascellare superiore e/o della mandibola. In pazienti affetti da questa patologia, è spesso impossibile l’applicazione di una qualsiasi  protesi dentaria, fissa o rimovibile, proprio per la scarsa quantità di osso.

Le tecniche di chirurgia preprotesica  permettono la ricostruzione delle ossa mascellari, sia in senso verticale che trasversale, cioè in altezza e spessore.

Le tecniche chirurgiche maggiormente utilizzate sono :

  • innesti ossei liberi:
    il materiale che a tutt’oggi offre le maggiori garanzie per questo tipo di ricostruzione è l’osso autologo (cioè del paziente stesso); può essere prelevato, in modesta quantità, dal cavo orale (regione del mento o dell’angolo della mandibola), oppure, in caso di quantità maggiori, dalla cresta iliaca o dalla teca cranica; la scelta del tipo di osso da utilizzare dipende dall’entità e dalla sede  del difetto da riparare; una alternativa al prelievo di osso autologo dal paziente può essere costituita, in casi selezionati, dall’utilizzo di osso di origine animale,  di origine umana (osso di banca), o di origine sintetica;
  • una tecnica particolare per la ricostruzione del mascellare superiore è costituita dal rialzo del pavimento del seno mascellare;
  • nelle gravi atrofie del mascellare superiore, oltre agli innesti, si può ricorrere ad interventi più complessi (osteotomie);
  • nelle atrofie estreme della mandibola e/o del mascellare superiore, in casi estremamente selezionati, possono essere utilizzati i trapianti ossei microvascolari;

Chirurgia Ortognatica,

o chirurgia dei mascellari, è quella branca della Chirurgia Maxillo-Facciale che permette la correzione di un ampio spettro di deformità o anomalie dello scheletro facciale e dei denti.

Costituisce uno dei principali settori della Chirurgia Maxillo-Facciale. Con questi interventi è possibile correggere completamente l’occlusione dei denti, migliorare sensibilmente l’estetica del viso e allo stesso tempo correggere quei problemi funzionali legati alla masticazione, fonazione e respirazione.

I difetti o problemi che necessitano di un intervento sui mascellari possono essere:

  • eccessiva crescita della parte inferiore del viso (mandibola grande o pronunciata, progenismo), con presenza di morso inverso (malocclusione di terza classe);
  • scarso sviluppo della mandibola (ipoplasia mandibolare), con mento sfuggente e presenza di un ampio spazio tra gli incisivi superiori ed inferiori (malocclusione di seconda classe);
  • asimmetrie dento-facciali più o meno gravi, con deviazione della mandibola e/o del mento e/o del mascellare superiore;
  • alterazioni dell’occlusione che non possono essere corrette solo con il trattamento ortodontico, come morso profondo (i denti superiori coprono eccessivamente i denti inferiori) e morso aperto (presenza di spazio tra gli incisivi superiori ed inferiori, con contatto solo a livello dei molari).

La Chirurgia Ortognatica quindi interviene sulle ossa della faccia modificando l’estetica del viso e la posizione delle ossa e quindi dei denti.  È tuttavia indispensabile una stretta collaborazione tra Ortodontista e Chirurgo Maxillo-Facciale, in quanto è sempre necessario un trattamento ortodontico pre-operatorio, che può variare nel tempo, a seconda dei casi.

I risultati definitivi della chirurgia dei mascellari hanno effetti positivi e importanti su molti aspetti, estetici e funzionali e sulla qualità di vita del paziente.

UN BEL SORRISO AUMENTA IL VALORE DEL VISO

Un sorriso è la porta che apre il tuo cuore agli altri