Chirurgia Orale

L’Odontoiatra e il Chirurgo collaborano:

  • nella prevenzione: insieme sono in grado di intercettare tutte le malattie del cavo orale, anche gravi come le neoplasie, sia di origine dentale sia di origine non dentale;
  • nell’implantologia: l’Odontoiatra, come responsabile dell’insieme della prestazione, può avvalersi del Chirurgo per eseguire l’intervento utile ad inserire gli impianti dentari nelle ossa mascellari;
  • nella Chirurgia pre-protesica e pre-implantare: se l’osso dei mascellari è scarso il Chirurgo può ricostruirlo, in altezza e spessore, per rendere possibile l’inserimento di impianti dentari a cui connettere le protesi.

All’interno di questo settore troviamo:

Chirurgia Orale:

Nota anche come odontostomatologia, dal greco antico odontos (dente) e stoma (bocca), è la specializzazione medica che si occupa di tutte quelle problematiche odontoiatriche per cui si rende necessario un intervento di tipo chirurgico, e include anche l’Implantologia e la Parodontologia.

Gli interventi nel campo della chirurgia orale comprendono le estrazioni dentali, anche quelle più complesse come ad esempio l’8° in inclusione totale, l’implantologia avanzata, gli innesti ossei e le cisti odontogene (mandibolare e mascellari), la parodontologia e per finire i tumori del cavo orale.

Chirurgia preprotesica e preimplantare:

La chirurgia preprotesica è quella branca della chirurgia oro-maxillo-facciale che affronta le problematiche relative alle atrofie, più o meno gravi, del mascellare superiore e/o della mandibola. In pazienti affetti da questa patologia, è spesso impossibile l’applicazione di una qualsiasi  protesi dentaria, fissa o rimovibile, proprio per la scarsa quantità di osso.

Le tecniche di chirurgia preprotesica  permettono la ricostruzione delle ossa mascellari, sia in senso verticale che trasversale, cioè in altezza e spessore.

Le tecniche chirurgiche maggiormente utilizzate sono :

  • innesti ossei liberi:
    il materiale che a tutt’oggi offre le maggiori garanzie per questo tipo di ricostruzione è l’osso autologo (cioè del paziente stesso); può essere prelevato, in modesta quantità, dal cavo orale (regione del mento o dell’angolo della mandibola), oppure, in caso di quantità maggiori, dalla cresta iliaca o dalla teca cranica; la scelta del tipo di osso da utilizzare dipende dall’entità e dalla sede  del difetto da riparare; una alternativa al prelievo di osso autologo dal paziente può essere costituita, in casi selezionati, dall’utilizzo di osso di origine animale,  di origine umana (osso di banca), o di origine sintetica;
  • una tecnica particolare per la ricostruzione del mascellare superiore è costituita dal rialzo del pavimento del seno mascellare;
  • nelle gravi atrofie del mascellare superiore, oltre agli innesti, si può ricorrere ad interventi più complessi (osteotomie);
  • nelle atrofie estreme della mandibola e/o del mascellare superiore, in casi estremamente selezionati, possono essere utilizzati i trapianti ossei microvascolari;

UN BEL SORRISO AUMENTA IL VALORE DEL VISO

Un sorriso è la porta che apre il tuo cuore agli altri

Questo sito web utilizza i cookie e chiede i tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione. We are committed to protecting your privacy and ensuring your data is handled in compliance with the General Data Protection Regulation (GDPR).